Manuel Felisi | studio portrait

View all 11 images

 il ritratto


Se il ritratto ha cercato a lungo di fermare il tempo per consegnare ai posteri la responsabilità di un’icona, quello di Manuel Felisi opera nella direzione opposta.

Non “ferma” o documenta ma immette nel tempo inteso come nastro continuo da avvolgere e accelerare ma soprattutto tagliare e ricomporre a piacimento. Il volto e lo sguardo si trasfigurano quindi nel colore, nelle garze, nei pattern geometrici e floreali dei vecchi rulli Liberty tanto amati dall’artista e nei tessuti recuperati da antichi corredi di famiglia o scovati in giro per il mondo. Non sazio, il volto si fonde poi alla metafora perfetta della vita e della sua bellezza: a fiori rarissimi, stampigliati su ipotetici francobolli, simboli a loro volta del viaggio e della continuità. Nasce così lo straordinario ritratto di Manuel Felisi: un esatto cortocircuito poetico.

 
  1notacritica

Manuel Felisi si muove nei diversi ambiti del fare artistico, dalla pittura, alla fotografia fino alle tecniche dell’installazione per raccontare sempre di uno stesso tema, il Tempo. Ed ecco il tempo come misura, quello necessario, per creare l’opera stessa; il tempo brevissimo, quasi immobilizzato, dell’istante dello scatto fotografico; la fotografia elaborata digitalmente e poi stampata in assenza di bianco sulla tela precedentemente preparata è come un sigillo in grado di racchiudere dentro l’opera tutti i ” tempi”che è in grado di raccontare; una foto che cessa così di essere un semplice scatto a persone, luoghi, oggetti e diventa memoria collettiva. Inoltre il tempo come categoria ideale e universale, che governa la vita, ne scandisce il ritmo e modifica cose e persone. C’è infine un’ulteriore visione del tempo che l’artista indaga ricorrendo a installazioni artistiche: è il tempo contemporaneo alla fruizione delle stesse, l’attimo presente in cui ci relazioniamo a suoni, rumori, odori, colori, pensieri che l’installazione ci consente di esperire attraverso i sensi e la mente; quell’attimo unico e irripetibile nello spazio e nel tempo.

  
 
1latelier

Un’antica cascina riportata con pazienza, coraggio e molto entusiasmo a nuova vita. Metafora e ventre perfetto della ricerca di Manuel Felisi, che gioca tra memoria, natura e contemplazione dando vita a fatti di grazia anacronistica e quindi volentieri fotografici. L’atelier di Felisi è uno spazio fluido e ha il suo fulcro tra il cortile e la cucina, spesso teatro di cene dove altri artisti, collezionisti o curatori, si mettono in gioco portando in dote le proprie ricette. Ad anticipare questo spazio conviviale, l’officina con il tavolo da falegname: zeppa di strumenti di lavoro, collane di fiori e i più disparati objet trouvé recuperati al mercatino rionale come dall’altra parte del mondo, ha come quinte pareti che paiono tele perché per prime accolgono schizzi e appunti, prove colore e le fantasie fitomorfe degli amatissimi rulli da decorazione vintage




  1lartista

Manuel Felisi, classe 1976, vive e lavora a Milano Lambrate. La sua ricerca si muove agilmente tra i diversi media, dalla pittura alla fotografia fino all’installazione. Tra le sue mostre recenti, La selva oscura, palazzo dei Principi (Correggio: 2015), Griglie, a cura di M. di Capua, russo Gallery (Roma: 2014), Biennale Italia-Cina (Pechino: 2014), Menoventi, a cura di F. D’amico e M.F. Giubilei, GAM (Genova: 2013). Gallerie di riferimento: Fabbrica Eos (Milano), Galleria Russo, (Roma, Istanbul) Glauco Cavaciuti (Milano).

 
 

prenotazione

Il prezzo del ritratto varia a seconda della dimensione. Il ritratto in studio richiede un deposito di Euro 100 che viene rimborsato al 90% se il servizio viene disdetto entro 48 ore dalla sessione prenotata con l’artista.

           

 

                     
 
 
Milano
     

Website
 
 

€ 100.00   
   
 

Direct art purchase is possible
 
 

Max num. per visit: 2
 

Child friendly content
 
 

Language: Italiano
 

wheelchair accessible
 


                   Make reservation